02/04/2022


E' uscito “Verità &Affari” il nuovo quotidiano economico fondato da Maurizio Belpietro e diretto da Franco Bechis (nella foto). Una grande scommessa in questi tempi “digitali”come lo fu in passato la pubblicazione del quotidiano La Verità da parte dello stesso editore. Il progetto, affidato al nostro studio, è stato realizzato in tempi brevissimi.

Pensato in autunno e progettato dall'inizio dell'anno il quotidiano ha visto la luce lo scorso 4 aprile. Le scelte progettuali alla base di Verità&Affari hanno tenuto in considerazione alcune delle scelte visive fatte dal giornale madre, La Verità, pubblicato nel settembre del 2016. La testata è, infatti, lo sviluppo della Verità in termini di carattere e colore. Su una riga, a bandiera sinistra, con le necessarie attribuzioni nella fascia sottostante. Il formato carta 31 per 45, la gabbia editoriale e pubblicitaria hanno mantenuto le stesse caratteristiche della Verità, così come il corpo e l'interlinea del testo, capisaldi della progettazione. Le testatine sono uguali al giornale madre. Fin qui le assonanze.

La prima differenza evidente sta nel colore scelto: un rosso pieno con una percentuale di nero. La costruzione delle pagine di Verità& Affari è fatta su una gabbia di sei colonne dove la quinta è suddivisa in due mezze colonne. La necessità di questi colonnini che possono ospitare sommari, dida, numeri o dichiarazioni, sono il frutto delle scelte editoriali che prevedono (al massimo) uno o due pezzi per pagina con la presenza, quando necessaria, di fotonotizie e di piccoli box di approfondimento.

Le pagine sono 24 senza però le tradizionali testatine di riferimento. Il lettore viene comunque accompagnato alla lettura attraverso la parola chiave (in rosso) nella titolazione. L'assortimento della titolazione costruito, anche qui, seguendo le necessità editoriali: pochi ma visibili. La struttura del giornale è fatta, come da nostra consuetudine, da pagine book implementate dal sistema editoriale fornito da Gmde. Ne abbiamo fornite a sufficienza per permettere di realizzare quotidianamente un giornale con le necessarie variazioni giornalistiche (interviste, inchieste, ma anche fotonotizie, brevi, ecc).

L'apparato iconografico si contraddistingue, come per tutti i giornali economici, da infografiche (curate dallo studio grafico Afw) e da grandi immagini: emblematiche o di personaggi citati nei pezzi. Una chiave di lettura importante che considera a pieno titolo le immagini non come riempitivi ma come elementi giornalistici veri e propri.