• Home
  • News
  • Gazzetta di Parma: Un restyling nella continuità

Gazzetta di Parma: Un restyling nella continuità

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someonePrint this page

 

 

Anche la Gazzetta di Parma dal primo febbraio 2018 ha cambiato formato. E’ passata dal formato lenzuolo al berliner. Un formato più piccolo e più maneggevole. Più pratico per i lettori, un pò meno per noi che abbiamo dovuto ridisegnare il quotidiano con meno carta a disposizione ma con la necessità di non perdere notizie.

Attorno a questa necessità si è svolta tutta la progettazione che, pur trasformando completamente l’assetto visivo del quotidiano, ha conservato la struttura originaria delle notizie. La prima pagina è stata costruita secondo la tradizione giornalistica del nostro paese. Una prima pagina vetrina con uno, due argomenti forti e la presenza di numerosi richiami. E con un’immagine che racconta i fatti e non riempie spazi vuoti. Il timone è rimasto quello di sempre con le scansioni delle sezioni importate dal giornale precedente. Ed ecco le novità introdotte: nuovi caratteri dei testi e delle titolazioni oltre che, ovviamente, un nuovo assetto visivo. Per il testo è stato usato L’Abril text, una font di ottima leggibilità. I titoli presentano L’Ethica Sheriff (disegnato da Veronika Burian) mentre il carattere di appoggio è il Poynter, usato negli inserti in foliazione.

I colori sono il blu e verde, nelle sezioni principali, mentre il rosso caratterizza tutti gli inserti.

Il metodo di lavoro è per pagine book che permettono alla redazione di trovare i necessari modelli per fare il giornale senza perdere lo spirito della riforma mantenendone i capisaldi. Come ha ben sintetizzato il direttore Michele Brambilla nell’editoriale del priomo giorno: “Cambia la grafica: resta immutata la leggibilità ma è più semplice e più chiara (pure più bella, crediamo) l’impaginazione cioè l’insieme dei titoli, testi e fotografie”.