IL PRIMO NUMERO DI NUOVI VENETI

Un incontro alla fondazione Oic di Padova ha tenuto a battesimo, sabato 1 ottobre, il nuovo inserto dell’edizione veneta del Corriere della Sera. Nuovi Veneti è il suo nome, sarà un mensile in abbinamento gratuito con il quotidiano e si presenterà ai lettori ogni prima domenica del mese. L’obiettivo del prodotto editoriale, sottolineato anche dal direttore del Corriere Ferruccio de Bortoli (nella foto a sinistra), ospite dell’incontro insieme ad altre personalità come lo scrittore Tiziano Scarpa.

Potete leggere qui la cronaca dell’evento, guardando anche la photogallery da cui abbiamo tratto queste due immagini. Noi possiamo raccontarvi il nuovo inserto dal punto di vista visuale. La necessità della redazione, con cui già collaboriamo con Nuovi stili di Vita e con magazines come Veneto Style e TuttoilGarda, era quella di offrire uno spazio ragionato alle «migliaia di associazioni, onlus, fondazioni e movimenti che danno un immenso valore aggiunto a questa terra nel tempo del trionfo dei disvalori», come scrive nell’editoriale del primo numero il direttore del Corriere del Veneto Alessandro Russello. L’obiettivo visuale è stato quello di non discostarsi troppo dall’altro prodotto editoriale dal formato simile, ovvero Nuovi stili di vita, pur assecondando con la grafica le ovvie differenze di contenuto. I servizi di ampio respiro sono valorizzati con immagini d’impatto e, quando possibile, con infografiche, come è il caso dell’inchiesta di apertura del primo numero, un’indagine della Fondazione Nord Est su come i veneti vedono se stessi. Altrettanto ben definite sono le varie sezioni del giornale, con testatine che guidano il lettore senza lasciargli dubbi attraverso i vari temi trattati.

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento